!! LINK UTILI PER LA MARCIA: EVENTO FACEBOOK, SITO WEB !!

 

Appello della Gioventù Federalista Europea #VersoRoma2017 

Riprendiamoci l'Europa 

Riprendiamoci il nostro futuro! 

 

Cari giovani europei, dobbiamo tornare ad essere i protagonisti del nostro tempo. 

Non possiamo rinunciare al nostro futuro per restare senza prospettive in un continente senza welfare state, in un'Europa priva di solidarietà e incapace di accogliere e di integrare diverse culture. È davvero questo il mondo in cui vogliamo vivere e che vogliamo lasciare alle prossime generazioni? 

Dal referendum sull’uscita della Gran Bretagna dall’Unione europea, sono state dimostrate due cose: la nostra casa è l’Europa, ma questa Europa non è la nostra. La maggioranza dei giovani votanti ha scelto il remain, ma i molti che non hanno votato ci hanno mostrato che questa Europa non piace. 

Il clima politico creatosi in occasione del referendum italiano ha reso evidente lo stato di incertezza sul nostro futuro. La responsabilità del cambiamento ricade adesso su di noi, questo è il nostro tempo. 

Che fare? Riempirci di belle parole non basta. L'Europa è casa nostra perché ci permette di viaggiare, di conoscere, di incontrarci. Non ci piace l'Europa precaria, quella che non dà prospettive, che non ci dà sicurezza. Dobbiamo poter scegliere le politiche europee, dobbiamo fermare le diseguaglianze. Ci stanno privando del nostro futuro. Noi, questo, non possiamo permetterlo. 

Dobbiamo essere capaci di unire Nord e Sud, Est e Ovest. Siamo il vento che soffia da Ventotene, da Utoya, da Suruc, da Lesbo e Lampedusa, che unisce tutti i cittadini d’Europa e che passa attraverso anche i muri di filo spinato. È il momento di una rinascita del popolo europeo. 

Dobbiamo agire subito! Prima delle elezioni olandesi, francesi, tedesche e italiane, perché tutti gli europei hanno un comune destino: o si batteranno insieme per un'Europa democratica, federale e solidale o vedranno il prevalere dell'odio populista e nazionalista. 

La vera battaglia oggi è tra chi vuole dividere e distruggere e chi vuole unire e costruire. La nuova linea di demarcazione è tra chi vorrebbe tornare verso i conflitti tra Stati e chi lotta per l’Europa dei settant’anni di pace. Tra chi crede che Gert Wilders, Marine le Pen, Frauke Petry e Matteo Salvini abbiano la chiave per risolvere i nostri problemi e chi invece sa che le migrazioni possono essere un’enorme opportunità e non una minaccia. I cittadini devono tornare protagonisti della battaglia per un'Europa che sappia difendere i propri confini, ma che resti unita contro la guerra, contro i muri, contro la disoccupazione, contro il razzismo. 

Che fare? Riempiamo le strade di Roma sabato 25 marzo 2017 e resistiamo all'oscurantismo; dobbiamo essere la fiamma di una nuova rivoluzione: la nostra. 

E c'è bisogno di tutti e tutte.

 

Riempiamo le strade di Roma sabato 25 marzo 2017

 

Siamo il vento che soffia da Ventotene, da Utoya, da Suruc, da Lesbo e Lampedusa,

che unisce tutti i cittadini d’Europa e che passa attraverso i muri di filo spinato.

 

Link utili

Downloads utili