Locandina
Locandina "Marcia della Pace e della Fratellanza 2018"

Il valore della pace e della solidarietà tra i popoli è da sempre un presupposto fondamentale dell’azione politica federalista, poiché l’idea stessa di federare Stati diversi nasce dalla volontà di mettere fine ai conflitti e assicurare una crescita sostenibile e duratura. Per dirlo con le parole di Mario Albertini: “Se per realizzare la pace, infatti, è necessario un ordine legale, uno Stato esteso a tutto il genere umano, il diritto, e lo Stato che lo fa valere, non sono contestati, sono stabili, solo quando sono assicurate la libertà, la democrazia e la giustizia sociale. Queste non sono sufficienti per avere la pace, ma sono di fatto condizioni necessarie".

Per questo motivo, come negli anni precedenti, anche questo ottobre i federalisti europei saranno al fianco delle numerose associazioni e realtà della società civile che prenderanno parte alla Marcia della Pace e della Fraternità.

Un’iniziativa da sempre importante, ma che oggi riteniamo imprescindibile per far fronte a quella triste cronaca che ci riporta la fotografia di un’Italia e di un’Europa in cui dilagano sempre più nuove e vecchie pratiche razziste, violente e xenofobe. Una fotografia che vorrebbe relegare i valori portanti delle nostre realtà associative in un mero gruppo di minoranza lontano dalle reali esigenze del paese e dei suoi cittadini. Una situazione aggravata ulteriormente anche dalla nostra politica nazionale che invece di impegnarsi a costruire degli argini ha preferito scegliere la via più semplice, ovvero quella di istituzionalizzare e legittimare questi comportamenti e di individuare dei nemici comuni contro i quali concentrare le paure e la rabbia dei suoi cittadini: l'Unione Europea e gli immigrati.

Nell'era del verosimile e della post-verità a nessuno importa davvero distinguere le responsabilità europee delle istituzioni comunitarie da quelle dei governi, né chi decide davvero in ultima istanza su politiche migratorie o politiche economiche.

Lo diciamo noi: sono i Governi, non l'Europa.

Sono i governi attraverso il Consiglio Europeo ad averci portato a non-decidere sulla possibilità di dare un futuro all'Unione e al rilancio dello sviluppo delle politiche economiche e sociali e a non-dare una risposta alle decine di migliaia di morti che abbiamo causato con il nostro mancato intervento nel Mediterraneo e in tutte le altre vie di transito. Il Parlamento europeo e la Commissione hanno provato ad indicare la via con l'approvazione di una serie di rapporti e con una riforma del Regolamento di Dublino che spinge davvero verso quella solidarietà tra Stati troppo spesso acclamata inutilmente, ma le loro voci sono rimaste inascoltate da parte di capi di Stato e di Governo troppo miopi per pensare al futuro delle prossime generazioni e impegnati a rintracciare facili promesse elettorali e a rafforzare il proprio consenso senza fornire reali risposte.

Il risultato di questa frenetica inattività dei nostri Governi e della riabilitazione di un linguaggio dell'odio nel dibattito pubblico è che nessuno si sta seriamente occupando della difesa dei diritti umani. Quello che conta è solo incanalare verso l’esterno la rabbia di una società sempre più impaurita e senza prospettive.

Per provare a invertire questa rotta, dobbiamo essere consapevoli che oggi lo scontro politico non si gioca più sul campo della vecchia linea di demarcazione che separa destra e sinistra, né, come dimostrato dalla Marcia per l’Europa del 2017, può essere semplificato ad uno scontro tra europeisti e sovranisti.

Il nazionalismo, sconfitto dall'ondata europeista che ha riempito le strade di Roma e di tutta Europa appena un anno fa, adesso - come un’idra - sta svelando una sua nuova faccia. Il mancato coraggio nel realizzare i grandi cambiamenti istituzionali necessari all’Unione Europea per essere all’altezza delle aspettative dei suoi cittadini hanno involontariamente favorito il ritorno dei sovranisti in una veste ancora peggiore.

L'alleanza tra Salvini e Orban rivelano che l'obiettivo non è più quello di disgregare l’Unione Europea, ma di ribaltare completamente i presupposti sui quali si è fondata fino ad oggi. Il reale obiettivo è ormai chiaro: realizzare un’Europa-Fortezza che abbia al centro unicamente il mercato unico e i fondi strutturali, ma che elimini tutto il resto dell'Acquis comunitario. Questo significa solo una cosa: nessuna difesa dei valori democratici e nessuna difesa per i diritti umani.

Di fronte a tutto questo non ci resta che reagire tutti insieme, senza distinzioni politiche, perché la battaglia che si sta preparando per le prossime elezioni europee verterà su una domanda la cui risposta sarà la chiave di quello che sceglieremo di essere come civiltà: "Quale Europa?"

Se vogliamo un'Europa di pace, un'Europa democratica e federale, un'Europa che abbia al centro la libertà e la difesa dei diritti umani, allora non ci resta che costituire un nuovo fronte comune e reagire.

Oggi gli appelli non bastano più. Allora, partiamo dalla Marcia della Pace e proviamo a costruire un fronte civico capace di risvegliare le troppe coscienze assopite, offrendo un’alternativa reale e concreta che non si fermi ai vecchi confini nazionali ma che trovi il suo fondamento nell’unione tra i popoli.

Cominciamo da questa Marcia e federiamo quante più realtà civiche e sensibilità politiche possibili contro il ritorno di questo nuovo e ancor più pericoloso nazionalismo, per un'Europa che nel mondo si mostri come una vera alternativa all’imperialismo cinese e all'America First del Presidente Trump.

Rispetto a un mondo che ci vuole far vivere in un eterno presente senza ideologie, senza nessuna memoria, noi scegliamo di ricordare il perché della tragedia di due guerre mondiali e del fascismo. Scegliamo di batterci contro il «cuore di tenebra» dell’Europa e rispondiamo facendo valere quei valori che hanno fatto della civiltà europea un unicum nel panorama dell’umanità e della dignità dell’uomo, della libertà, della tolleranza, della solidarietà, della ricerca disinteressata del sapere, della creazione della bellezza e dell'universalismo dei diritti umani.

MOVIMENTO FEDERALISTA EUROPEO (MFE)
GIOVENTÙ FEDERALISTA EUROPEA (GFE)

Comunicato Stampa: Adesione GFE all'iniziativa 13-...
01 Ott 2018 20:36Comunicato Stampa: Adesione GFE all'iniziativa 13-10

Il Movimento Federalista Europeo e la Gioventù Federalista Europea promuovono la mobilitazione paneuropea 13-10 a Firenze per un’Europa più unita e democratica. Abbiamo deciso di scendere in piazza, sabato alle 13 in Piazza San Marco, per manifestare contro l’Europa dei sovranismi e degli egoismi nazionali. Contro l’Europa-fortezza delle “democrazie illiberali”. Contro il ritorno del razzismo, delle barriere e della violenza. Noi saremo in piazza con decine di altre associazioni della società civile perché la politica finalmente trovi il coraggio di realizzare l’Europa del pr [ ... ]

Leggi
Adesione di MFE e GFE alla Marcia per la Pace
14 Set 2018 20:03Adesione di MFE e GFE alla Marcia per la Pace

Locandina "Marcia della Pace e della Fratellanza 2018" Il valore della pace e della solidarietà tra i popoli è da sempre un presupposto fondamentale dell’azione politica federalista, poiché l’idea stessa di federare Stati diversi nasce dalla volontà di mettere fine ai conflitti e assicurare una crescita sostenibile e duratura. Per dirlo con le parole di Mario Albertini: “Se per realizzare la pace, infatti, è necessario un ordine legale, uno Stato esteso a tutto il genere umano, il diritto, e lo Stato che lo fa valere, non sono contestati, sono stabili, solo quando sono assicura [ ... ]

Leggi
Il Regolamento di Dublino non piace a nessuno, ma ...
13 Giu 2018 10:55Il Regolamento di Dublino non piace a nessuno, ma gli Stati non lo cambiano

Il 6 giugno, in seguito al vertice europeo dei ministri dell’Interno, è virtualmente fallito il progetto di riforma del Regolamento di Dublino III. Tre giorni dopo la nave Aquarius (appartenente alla ONG SOS Méditerranée), con a bordo 629 migranti tutti provenienti dalle coste libiche, si vedeva interdetta la possibilità di far sbarcare i suoi passeggeri sulle coste italiane a seguito di una discussa decisione del neo-ministro Matteo Salvini. Al momento della stesura di questo articolo la nave si sta dirigendo verso il porto di Valencia dove il primo ministro spagnolo Pedro Sánchez si  [ ... ]

Leggi
Mattarella garante degli interessi dei cittadini. ...
29 Mag 2018 13:30

Attaccare le istituzioni e, in particolare, il principale garante della nostra Costituzione, il Presidente della Repubblica, è di per sé un atto pericoloso, che diventa del tutto inaccettabile quando l’accusa è di attentato alla Costituzione nei confronti di una figura che sta, invece, difenden [ ... ]

Leggi
24 Maggio 2018 – Montecitorio, Roma: Flashmob in p...
24 Mag 2018 13:31

La Gioventù Federalista Europea invoca un’Europa dei cittadini europei, federale e democratica e mette in guardia sul destino dell’Unione Europea, celebrando il funerale dell’Europa di Ventotene immaginata dai Padri Fondatori, vittima degli egoismi scellerati dei capi di stato e di governo.  [ ... ]

Leggi
24 maggio 2018, Lettera a Giuseppe Conte President...
24 Mag 2018 13:02

Alla cortese attenzione del Professor Giuseppe Conte Presidente del Consiglio dei Ministri incaricato, Nel farle le congratulazioni e i migliori auguri per la nomina, Le scriviamo preoccupati perché, come ioventù Federalista Europea riteniamo i prossimi mesi cruciali alla luce della crisi stru [ ... ]

Leggi
Comunicato stampa: Our vision for Europe
12 Mag 2018 17:31

”Our Vision for Europe” – l’appello della Gioventù Federalista Europea per chiedere di trasmettere i dibattiti televisivi fra i principali candidati alle elezioni europee.ong>Incentiviamo l’affluenza alle elezioni europee, facciamo servizio pubblico!  La Gioventù Federalista Europe [ ... ]

Leggi
Lettera inviata alle redazioni RAI: Our vision for...
12 Mag 2018 17:15

Roma, 12 maggio 2018 Gentilissimi, Generazioni di europei sono cresciute con “Europe, douze points!”. Se possiamo guardare l’Eurovision Song Contest in tutta Europa e oltre, su tutti i principali canali televisivi, dovremmo avere anche la possibilità di guardare i dibattiti per le elezion [ ... ]

Leggi
NO ALL'EUROPA DEI GOVERNI, SÌ ALL'EUROPA DEI POPOL...
30 Apr 2018 11:20

Il 9 maggio si dovrebbe celebrare la Festa dell'Europa. Noi ci chiediamo, oggi, cosa ci sia rimasto da festeggiare. Dopo anni di crisi, i cittadini sono stanchi e ormai privi di fiducia nei confronti di istituzioni percepite come distanti, mentre problemi e fenomeni di portata continentale e globale [ ... ]

Leggi
Mai Più Fascismi
24 Feb 2018 12:08Mai Più Fascismi

March for Europe 2017, Roma 27 Marzo, - Fascism + Federation   Aderiamo con convinzione all'appel [ ... ]

Leggi
Comunicato Stampa: Mai più fascismi e razzismi
07 Feb 2018 06:29

Scriviamo questo comunicato in seguito ai gravissimi eventi verificatesi nel maceratese, la terribil [ ... ]

Leggi
Comunicato Stampa: Accordi con la Libia: una viola...
17 Nov 2017 13:15

L'ennesima tragedia avvenuta nel Mediterraneo, lunedì 6 novembre, che ha segnato la morte di almeno [ ... ]

Leggi
Comunicato Stampa: la Resistenza Europea non è anc...
03 Nov 2017 21:52

In seguito all’avvenuta conferma della manifestazione di Roma promossa da Forza Nuova per il 4 nov [ ... ]

Leggi
Comunicato condiviso delle associazioni giovanili ...
26 Ago 2017 15:45

Alla luce dell’inquietante “squadrismo da tastiera” che imperversa sui social network, Noi gi [ ... ]

Leggi
La Polonia rispetti lo Stato di diritto
28 Lug 2017 19:01

La Gioventù Federalista Europea(GFE), i Giovani Democratici (GD), le associazioni Studicentro, Fut [ ... ]

Leggi
L’importanza di chiamarsi Enrico. Lettera aperta a...
26 Lug 2017 12:14L’importanza di chiamarsi Enrico. Lettera aperta al Presidente della Regione Toscana

Si riporta di seguito la lettera redatta dal Segretario del Centro regionale MFE della Toscana indi [ ... ]

Leggi
Comunicato stampa - XXIII Congresso Gioventù Feder...
29 Mag 2017 11:49Comunicato stampa - XXIII Congresso Gioventù Federalista Europea

Il neoeletto Ufficio di Segreteria GFE I giovani federalisti a Trento per il rilancio della battagl [ ... ]

Leggi
Altri articoli