-fascism+federation
March for Europe 2017, Roma 27 Marzo, - Fascism + Federation

 

Aderiamo con convinzione all'appello "Mai più fascismi" rivolto a tutte le istituzioni democratiche, promosso e sostenuto dall'ANPI e dalle tante realtà che fanno dell'antifascismo un impegno quotidiano e il denominatore comune del loro operato. 

La storia del federalismo europeo è storia di antifascismo e Resistenza fin dalle sue origini. Non è un caso che il primo appello europeo alla resistenza armata contro il nazi-fascismo sia apparso su L’Unità Europea, il foglio clandestino del Movimento Federalista Europeo, nel 1943. Militanti federalisti sono stati esponenti di spicco della Resistenza italiana, e alcuni di loro hanno dato la vita per la causa, come Eugenio Colorni, ucciso a Roma dalla banda Koch e i suoi militi fascisti, e Leone Ginzburg, torturato a morte in carcere, o come Luciano Bolis che tentò il suicidio pur di proteggere i propri compagni dalle persecuzioni fasciste. La resistenza federalista non si è però fermata agli anni bellici, dando vita a numerose iniziative come la costituzione dei Comitati Europa-Spagna in funzione anti-franchista, a causa dei quali gli stessi Rossi e Spinelli furono aggrediti da neofascisti al teatro Brancaccio. In continuità con le loro radici antifasciste, il MFE e la GFE si sono sempre opposti all’accettazione istituzionale di formazioni politiche neofasciste, come testimoniato dall’organizzazione, negli anni ‘70, di una coalizione di forze progressiste per la messa al bando dei movimenti neofascisti del MSI. 

Come federalisti sappiamo bene, infatti, che “la Resistenza non è finita perché i suoi grandi valori – la pace, la libertà e l’eguaglianza- sono ancora in pericolo. Ed è vero che la Resistenza e l’Europa sono strettamente collegate perché solo con una Europa libera e indipendente ci si può battere per il superamento dei blocchi e dell’imperialismo, cioè per la pace e l’eguaglianza di tutti i popoli. Dobbiamo dunque ricordare che questo collegamento, prima di essere un imperativo della ragion politica, è stato, nel tempo dell’Europa senza frontiere della Resistenza, un fatto di vita vissuta, testimoniato in modo indimenticabile dalla raccolta di lettere della Resistenza italiana e della Resistenza europea pubblicate in Italia da Einaudi. E dobbiamo tener presente che il fatto che la resistenza non è ancora finita si riflette in modo particolare nella formazione politica e culturale dei giovani. Ai giovani bisogna dire proprio questo: che la Resistenza non è finita.” (Mario Albertini, prefazione a Resistenza ed Europa)

Proprio ai giovani di oggi e alle nuove generazioni, si deve comunicare con forza quanto sia inaccettabile la tolleranza di partiti e associazioni dichiaratamente neofasciste che fanno della violenza e dell’intolleranza elementi strutturali della propria azione. Partiti e organizzazioni che violano i principi fondamentali della Costituzione, e tuttavia partecipano alle competizioni democratiche, si confrontano con le forze antifasciste nelle arene mediatiche, in una ingiustificabile omologazione di fascismo e antifascismo. Tuttavia la denuncia di tali movimenti non può bastare. Le forme contemporanee di neofascismo si mostrano infatti, nella maggioranza dei casi, più subdole e diffuse, con ampio spazio di azione e comunicazione lasciato loro dalla generale normalizzazione e sostanziale accettazione di un linguaggio politico razzista e xenofobo, veicolato troppo spesso dai media e fatto proprio da molte forze politiche, come appare evidente anche dall'ultimo rapporto di Amnesty International - il Barometro dell’odio -. A tutto ciò si somma il gravissimo, ma ormai quotidiano, susseguirsi di atti di violenza perpetrati con motivazioni razziste, espressione di sempre più radicate ideologie violente, nazionaliste e identitarie.

Tali fenomeni non sono tuttavia ascrivibili alla sola Italia e fanno parte di un quadro molto più largo e complesso. Le derive violente e xenofobe sono infatti una risposta psicologica/ideologica ad una condizione di crisi ben definita: l'impossibilità dello Stato di far fronte all’insieme di fenomeni che oggi chiamiamo globalizzazione.

Seguendo la riflessione di Bernard Williams, lo Stato ha necessità di confermare ogni giorno la legittimità del suo potere e, per farlo, deve rispondere alla prima - ma non certo l’unica - domanda di legittimità. Essa consiste nella capacità statale di contenere i conflitti distruttivi e i fenomeni che possono generarne . L’incapacità di fronteggiare la globalizzazione è dunque evidente segnale della crisi istituzionale che gli Stati stanno vivendo. I sistemi democratici nazionali sono seriamente minacciati da risposte securitarie totalmente inaccettabili perché radicalmente contrarie ai principi costituzionali degli stessi Stati europei e perché esse propongono soluzioni illusorie che non rispondono alla necessità di limitare i conflitti, ma, al contrario li stanno aumentando. 

L’antifascismo allora oggi non può e non deve essere solo un principio formale a cui aderire, ma deve essere declinato nell’azione come impegno quotidiano, battaglia politica. L’antifascismo militante deve diventare proposta di superamento della situazione di crisi appena descritta. Gli Stati europei, per rimanere coerenti a se stessi e salvaguardare le proprie democrazie dalle minacce presenti e future, devono rifondare il sistema democratico dell’intero continente, generando dunque un ordine nuovo dotato della capacità di governare la globalizzazione. 

Per fare ciò non bisogna però mai dimenticare i principi per cui ci battiamo. Dimenticare vuol dire tentare di liquidare il fascismo come un fenomeno contingente, ascrivibile alla follia di pochi; esso è stato ed è, al contrario, un evento strutturale connesso alla crisi dello stato-nazione e della civiltà europea, il sistema degli stati-nazione aveva infatti insite le radici del nazi-fascismo.  

Ricordare invece vuol dire provare a guardare al futuro dando contenuto politico a concetti e idee che non possono mai essere dati per scontati; ricordare vuol dire non cercare di politicizzare faziosamente l’antifascismo, ma rilanciarlo per quello che è stato: un impegno politico costante, totalmente trasversale, che tutti noi siamo chiamati a rinnovare. Le parole di Luciano Bolis, in questo senso, sono più che mai attuali:

“Direi che questo appello ognuno lo dovrebbe rivolgere prima di tutto a se stesso nel momento in cui forse è in gioco tutta la formazione della futura generazione; perché dipende dal risultato di questa partita che l’insegnamento, i libri di testo, la stessa formazione degli insegnanti, possano assumere un indirizzo piuttosto che un altro. Evitando quindi di sedersi nel mezzo senza prendere posizione, adottando un atteggiamento di ignavia, di inerzia, di panciafichismo che non contribuirebbe certo ad affermare valori che meritano di essere affermati positivamente, sottolineando invece la continuità del filone che dall’antifascismo va alla Resistenza e dalla Resistenza al federalismo ed alla costituzione della democrazia di domani [...].”

Condannando l’indifferenza, come condizione della caduta della democrazia, rinnoviamo dunque il nostro impegno antifascista e federalista per la costituzione di una vera democrazia europea.

Si riporta di seguito la lettera redatta dal Segretario del Centro regionale MFE della Toscana indirizzata al Presidente della regione Toscana Ernesto Rossi.
Il Presidente rivendica gli ideali di Ventotene ma la sua giunta ha tagliato i fondi allo storico Seminario federalista toscano Cittadini Europei, Cittadini del Mondo intitolato a Luciano Bolis.

Copertina FB del Presidente della regione Toscana
Copertina FB del Presidente della regione Toscana

Caro Presidente Rossi,

Le sono molto grato di averci finalmente offerto la possibilità di uscire dallo stato di indignazione ammutolita in cui il comportamento Suo e della Sua giunta ci hanno costretto nell’ultimo anno. Le scrivo infatti a nome del migliaio di studenti, studentesse e volontari toscani che per quindici anni hanno animato il seminario di formazione europeista e federalista "Luciano Bolis” – medaglia al valore della Resistenza -, dedicato ai vincitori di un concorso regionale ("Cittadini Europei, Cittadini del Mondo") per le scuole secondarie che ha rappresentato l’unica vera occasione per i giovani della Toscana di imparare e vivere quel particolarissimo spirito di solidarietà verso un fine etico, di impegno civile nutrito da autentica e aggiornata sete di conoscenza, che è la grande eredità morale di Ventotene.

Lei porta, caro Presidente, la responsabilità personale e politica per la fine di questa esperienza, che la Regione Toscana ha sostenuto per un decennio assieme all’Associazione Italiana dei Comuni e delle Regioni d’Europa e alla passione competente dei volontari della Gioventù Federalista Europea e del Movimento Federalista Europeo – sì, proprio il movimento che nacque da Ventotene e che rappresenta ormai l’unica esperienza politica novecentesca che possa rivendicare esistenza ininterrotta e crescente attualità di programma nel XXI secolo. Come Lei ben sa, il MFE non è un partito, non ha fini di lucro e non partecipa ad alcuna competizione elettorale. Il MFE lotta perché si realizzi l’obiettivo centrale del Manifesto di Ventotene: il superamento delle sovranità nazionali esclusive, l’unità politica dell’Europa (e in prospettiva del mondo) attraverso la democrazia a tutti i livelli e una distribuzione delle competenze dei vari livelli di governo basata su principi di efficacia nella risoluzione dei problemi collettivi e di massima vicinanza possibile al singolo cittadino.

Ma Lei, caro Presidente, queste cose dovrebbe saperle bene – talmente bene che la sua ultima “cover photo” pubblicata sul Suo profilo Facebook si fregia di citare proprio il Manifesto di Ventotene a fianco del suo volto sorridente. Mi chiedo: è sicuro che sia il caso di sorridere? Appartiene a un Movimento (Art. 1) le cui analisi e i cui programmi sono fermi a prima del Manifesto di Ventotene – anzi, almeno a parole incarnano esattamente quel corporativismo nazionale che è lo spirito opposto a Ventotene. Ci spieghi come conta di riuscire a tenere assieme queste contraddizioni, come può pretendersi epigono di Altiero Spinelli quando la Sua azione di governo regionale ne ha ucciso l'eredità senza troppo badarci. Ci spieghi se per caso tutto ciò è frutto di inavvertenza e ci consenta di ravvederci: Le richiederebbe davvero poco sforzo.

Perché altrimenti la tentazione è forte, Presidente, di leggere nel suo sorriso la presa in giro dei suoi elettori, presso i quali si spaccia per erede di Ernesto Rossi – e Lei sa bene, Presidente, di non chiamarsi Ernesto, anzi come direbbe Oscar Wilde di non essere Ernesto. Sa bene che questo gioco politico non è onesto.

 

25 luglio 2017

Francesco Pigozzo

Segretario Regionale Movimento Federalista Europeo - Toscana

Mai Più Fascismi
24 Feb 2018 12:08Mai Più Fascismi

March for Europe 2017, Roma 27 Marzo, - Fascism + Federation   Aderiamo con convinzione all'appello "ai più fascismi rivolto a tutte le istituzioni democratiche, promosso e sostenuto dall'ANPI e dalle tante realtà che fanno dell'antifascismo un impegno quotidiano e il denominatore comune del loro operato.  La storia del federalismo europeo è storia di antifascismo e Resistenza fin dalle sue origini. Non è un caso che il primo appello europeo alla resistenza armata contro il nazi-fascismo sia apparso su L’Unità Europea, il foglio clandestino del Movimento Federalista Europeo, nel  [ ... ]

Leggi
Comunicato Stampa: Mai più fascismi e razzismi
07 Feb 2018 06:29

Scriviamo questo comunicato in seguito ai gravissimi eventi verificatesi nel maceratese, la terribile vicenda di una giovane ragazza e l’attacco xenofobo da parte di un militante neofascista che ha sparato su un gruppo di persone di origine straniera. Alla luce di quanto accaduto, aderiamo con convinzione alla manifestazione indetta dall’ANPI il 10 febbraio - s://goo.gl/GdqZCy. Condanniamo con fermezza ogni atto di giustizia privata o di vendetta. È più che mai urgente una decisa opposizione ad ogni crimine fondato sull’adesione a principi ideologici neofascisti e va contrastato o [ ... ]

Leggi
Comunicato Stampa: Accordi con la Libia: una viola...
17 Nov 2017 13:15

L'ennesima tragedia avvenuta nel Mediterraneo, lunedì 6 novembre, che ha segnato la morte di almeno 50 persone in mare, rende sempre più evidente la gravità e pericolosità degli accordi istituiti da parte dell'UE e dell'Italia con la Libia. L'accaduto ha mostrato chiaramente la reiterata violazione dei diritti umani da parte della guardia costiera libica mentre ostacolava le operazioni di soccorso della Marina italiana e della ONG Sea Watch, causando di fatto la morte per annegamento delle persone ancora in mare, mentre venivano perpetrati atti di violenza sull'imbarcazione. Le recenti co [ ... ]

Leggi
Comunicato Stampa: la Resistenza Europea non è anc...
03 Nov 2017 21:52

In seguito all’avvenuta conferma della manifestazione di Roma promossa da Forza Nuova per il 4 novembre dallo slogan “Tutto per la patria” e in considerazione delle inquietanti affermazioni del suo segretario Roberto Fiore sull’inesistenza dell’antifascismo nel tessuto sociale, le organizz [ ... ]

Leggi
Comunicato condiviso delle associazioni giovanili ...
26 Ago 2017 15:45

Alla luce dell’inquietante “squadrismo da tastiera” che imperversa sui social network, Noi giovani europei impegnati sul territorio toscano ci schieriamo risolutamente dalla parte di Don Biancalani, del valore della solidarietà e dell’accoglienza che la sua azione rappresenta. Contro ogni [ ... ]

Leggi
La Polonia rispetti lo Stato di diritto
28 Lug 2017 19:01

La Gioventù Federalista Europea(GFE), i Giovani Democratici (GD), le associazioni Studicentro, Futuredem e Alternativa Europea si schierano al fianco delle decine di migliaia di cittadini polacchi che pacificamente sono scesi in piazza a difesa  dei principî dello stato di diritto che sono forte [ ... ]

Leggi
L’importanza di chiamarsi Enrico. Lettera aperta a...
26 Lug 2017 12:14L’importanza di chiamarsi Enrico. Lettera aperta al Presidente della Regione Toscana

Si riporta di seguito la lettera redatta dal Segretario del Centro regionale MFE della Toscana indirizzata al Presidente della regione Toscana Ernesto Rossi.
l Presidente rivendica gli ideali di Ventotene ma la sua giunta ha tagliato i fondi allo storico Seminario federalista toscano Cittadini Eur [ ... ]

Leggi
Comunicato stampa - XXIII Congresso Gioventù Feder...
29 Mag 2017 11:49Comunicato stampa - XXIII Congresso Gioventù Federalista Europea

Il neoeletto Ufficio di Segreteria GFE I giovani federalisti a Trento per il rilancio della battaglia per gli Stati Uniti d’Europa.  Si è concluso ieri - domenica 28 maggio - il XXIII Congresso nazionale della Gioventù Federalista Europea.
Il Congresso, articolato in 3 giorni, è stato patroc [ ... ]

Leggi
Presa di posizione della Gioventù Federalista Euro...
25 Mag 2017 16:23

La Gioventù Federalista Europea condanna le gravissime violazioni dei diritti umani contro i soggetti LGBTI che da aprile continuano a perpetrarsi in Cecenia. Da quando, ai primi di aprile, il quotidiano indipendente russo Novaya Gazeta con un’inchiesta ha mostrato al mondo le preoccupanti condi [ ... ]

Leggi
Gli europeisti uniti per rilanciare l’Europa
23 Mar 2017 17:57

Il fronte europeista è oggi unito per rilanciare il progetto di unità dell’Europa su basi demo [ ... ]

Leggi
Conferenza stampa della GFE
21 Mar 2017 15:10Conferenza stampa della GFE

#GFE60 Martedì 21 marzo Roma presso l'Associazione Stampa Estera si è tenuta la conferenza st [ ... ]

Leggi
Forza Europa
18 Mar 2017 16:09Forza Europa

#GFE60 Foto dell’intervento del presidente nazionale della Gioventù Federalista Europea Simone [ ... ]

Leggi
European Youth Convention
17 Mar 2017 15:02European Youth Convention

#GFE60 Come riformare l'Unione Europea in modo che non soccomba sotto gli attacchi dei movimenti  [ ... ]

Leggi
Il Rapporto dei Saggi sullo stato e le prospettive...
17 Mar 2017 11:47Il Rapporto dei Saggi sullo stato e le prospettive dell’Unione Europea

Riprendiamoci l’Europa! #GFE60 nedì 27 febbraio 2017Laura Boldrini e il Comitato di Saggi  [ ... ]

Leggi
Verso I Trattati di Roma: #GFE60
12 Mar 2017 15:04Verso I Trattati di Roma: #GFE60

La Gioventù Federalista Europea in occasione della ricorrenza della firma dei Trattati di Roma, ha [ ... ]

Leggi
Il sonno della ragione e il ritorno delle forze na...
29 Gen 2017 14:30

Questi ultimi giorni sono stati emblematici per il nostro futuro. In Italia abbiamo assistito al te [ ... ]

Leggi
Riprendiamoci il nostro futuro! #VersoRoma2017
03 Gen 2017 16:59Riprendiamoci il nostro futuro! #VersoRoma2017

!! LINK UTILI PER LA MARCIA: EVENTO FACEBOOK, SITO WEB !!   Appello della Gioventù Federalist [ ... ]

Leggi
Altri articoli