La Gioventù Federalista Europea (GFE) è il gruppo giovanile del Movimento Federalista Europeo (MFE) e la sezione italiana degli Jeunes Européens Fédéralistes (JEF). Le sezioni locali della GFE si trovano in tutto il territorio nazionale, con iscritti e militanti di qualsiasi cittadinanza e di età compresa tra i 14 e i 29 anni.

I principi a cui si richiama la GFE sono quelli contenuti nel Manifesto di Ventotene, elaborato nel 1941 dall'antifascista Altiero Spinelli, con la collaborazione di Ernesto Rossi e Eugenio Colorni. L'analisi e le proposte politiche contenute nel Manifesto si basano sulla presa di coscienza della crisi dello stato nazionale - ritenuto la causa principale delle guerre mondiali e dell'affermazione del nazifascismo - e sulla convinzione che solo il superamento della sovranità assoluta degli Stati attraverso la creazione di una Federazione europea avrebbe assicurato la pace in Europa. I valori della pace, della democrazia sovranazionale, dello stato di diritto, della solidarietà e della sussidiarietà ispirano quindi il lavoro della GFE.

La GFE è un'organizzazione autonoma dalle forze politiche tradizionali e non partecipa direttamente alle elezioni. Si basa sull'autofinanziamento e sul lavoro volontario dei militanti, i quali svolgono un ruolo di iniziativa politica mirante a mobilitare le forze politiche e sociali e tutti i cittadini sugli obiettivi strategici che di volta in volta consentono di avanzare verso la Federazione europea e, in prospettiva, verso la Federazione mondiale.